Crowdfunding – NUOVO DISCO DELL’ORKESTRA RISTRETTA DEL CARCERE DI SOLLICCIANO

IN/ OUT IL NUOVO DISCO DELL’ORKESTRA RISTRETTA DEL CARCERE DI SOLLICCIANO

Tempo Reale promuove la realizzazione del nuovo disco dei detenuti dell’Orkestra Ristretta di Sollicciano IN/OUT. Negli anni, i contatti con i musicisti militanti del centro che hanno partecipato ai laboratori e i contributi musicali dei detenuti membri dell’Orkestra hanno contaminato la produzione dell’ensemble. Il progetto discografico nasce proprio per celebrare questi incontri musicali sincretici tra “dentro” e “fuori”. All’incisione partecipano i musicisti toscani collaboratori del centro: Andrea Gozzi, Lorenzo Lapiccirella, Stefano Rapicavoli, Federico Pacini (Bandabardò), il compositore Francesco Giomi, Michele Lombardi (Scaramouche) e il Coro multietnico CONfusion che suoneranno insieme ai detenuti e al direttore Massimo Altomare.

Per realizzare il cd è stata lanciata una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Produzioni dal basso.

La campagna sarà attiva dal 14 settembre al 31 ottobre.

Per sostenere i detenuti e aiutarli a realizzare il loro progetto discografico è possibile fare una donazione a questo link:

https://www.produzionidalbasso.com/project/in-out-il-nuovo-disco-dell-orkestra-ristretta-del-carcere-di-sollicciano/

Segui la campagna anche su Fb (@temporealefirenze e @orkestraristrettasollicciano) e su Instagram (@temporeale e @orkestraristretta) e condividila: anche questo è un modo per sostenere i detenuti!

Spot campagna:

Sito TR (landing page):

https://temporeale.it/in-out-il-nuovo-disco-dell-orkestra-ristretta-del-carcere-di-sollicciano/

UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE AI PARTNER CHE SOSTENGONO L’INIZIATIVA:

Fondazione Finanza Etica, Siamosolidali.it, Associazione Pantagruel ODV, Associazione Volontariato Penitenziario A.V.P.

L’Orkestra Ristretta è un ensemble musicale diretto da Massimo Altomare con il coordinamento di Tempo Reale. E’ sostenuto da Regione Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze in collaborazione con Ministero di Giustizia e Casa Circondariale di Sollicciano.

Approfondisci

Comunicato congiunto di Garanti dei detenuti e volontariato

Ristretti Orizzonti, 7 luglio 2020

La Conferenza dei Garanti territoriali delle persone private della libertà e la Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia si sono riunite il 02.07.2020 in un incontro in streaming, a cui ha partecipato anche l’Ufficio del Garante Nazionale. Finalità dell’incontro: aggiornarsi sulla situazione complessiva degli istituti e valutare la prospettiva di una ripresa delle attività che preveda anche il rientro nelle carceri dei volontari e dei soggetti del terzo settore.

Pur non sottovalutando le difficoltà che la situazione attuale ancora presenta e tenendo altresì conto però di una situazione epidemiologica generale confortante, Conferenza dei Garanti territoriali e Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia propongono quanto segue:

Ripresa attività trattamentali

È necessario favorire un graduale ma costante percorso di ripresa dell’accesso degli operatori del terzo settore con i dovuti accorgimenti per la prevenzione del contagio.

Pur consapevoli della necessità che al personale sia garantito il piano ferie, si auspica venga fatto ogni sforzo per non ridurre le attività trattamentali durante il periodo estivo.

Attività in presenza: I volontari autorizzati si sottoporranno al triage di ingresso come tutti gli altri operatori.

I colloqui individuali di sostegno si svolgeranno con adozione di distanziamento di m 1.50 tra operatore esterno e persone detenute e l’uso puntuale della mascherina protettiva e del gel igienizzante da parte di tutti.

Incontri di formazione e attività rieducative/di reinserimento di gruppi limitati di detenuti si svolgeranno in spazi che consentano un significativo distanziamento dell’operatore dal gruppo (aree verdi, auditorium, sala teatro, biblioteca, campo da calcio).

Attività da remoto: l’utilizzo delle tecnologie per i colloqui di sostegno individuale e per le attività di gruppo scolastiche, educative e ricreative dovrà essere potenziato, con la possibilità che ogni attività venga gestita sia in presenza degli operatori volontari, sia in remoto, quando questa può essere considerata una opportunità di ampliare e approfondire le iniziative con la partecipazione di esperti significativi dall’esterno.

(altro…)

Approfondisci